Video

Come iscriversi alla newsletter:

La diffusione dei contenuti di Abitare la Terra è rivolto a tutti coloro che si interessano di cooperazione internazionale, solidarietà globale, sviluppo sostenibile, volontariato, pace, diritti umani e non violenza in Trentino e avviene gratuitamente anche grazie all’invio via e-mail di una newsletter settimanale che informa gli iscritti su data, luogo, titolo, contenuto e contatti dell’iniziativa.  

Come comunicare gli eventi:

Per pubblicare le iniziative inerenti ai temi trattati sul sito, sulla newsletter settimanale e sulla pagina facebook basta inoltrare le informazioni ad info@abitarelaterra.org entro e non oltre le 12.00 del venerdì antecedente la settimana interessata dall'evento complete di un numero di telefono e di una e-mail di riferimento per eventuali ulteriori informazioni a disposizione degli utenti. Il servizio è GRATUITO!

Chi siamo:

Abitare la Terra è un servizio di informazione gratuito  curato dall'Associazione Tremembè e sostenuto dall’Assessorato all’Università, ricerca, politiche giovanili, pari opportunità e cooperazione allo sviluppo della Provincia Autonoma di Trento e dal Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani rivolto a tutti coloro che si interessano di cooperazione internazionale, solidarietà globale, sviluppo sostenibile, pace, diritti umani e non violenza in Trentino. Grazie e buona lettura!

Sponsor:


logo pat nuovo  assess univers 14
 
trentino cooperazione
 
 
logo forum web
 
 
 
 




 

Seguici anche su:

000facebook

APPELLI E CAMPAGNE
PDFStampaE-mail

Accoglienza migranti: sta nascendo un coordinamento provinciale

Alcune associazioni e gruppi di volontariato operanti in Trentino nell’ambito dell’accoglienza ai migranti si sono incontrati per dar vita ad un “tavolo di coordinamento”, finalizzato a confrontare le varie esperienze di “terza accoglienza” (successiva al percorso di accoglienza Cinformi), unire le forze, evitare sovrapposizioni, formulare proposte, fare opinione pubblica, rapportarsi con le istituzioni in maniera coordinata. I possibili ambiti di attività sono: la predisposizione di una mappa provinciale delle realtà di volontariato e istituzionali impegnate nell’accoglienza; la sensibilizzazione dell’opinione pubblica con incontri sul territorio, presenza sui mass media, raccolta di documentazione, diffusione di buone pratiche; la ricerca di opportunità di formazione, lavoro e alloggio per i richiedenti asilo e profughi; l’istituzione di rapporti costanti con le amministrazioni pubbliche. Chiunque è interessato a partecipare – singolo o associazione – può mandare una mail a:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . I primi incontri, ai quali erano rappresentate le associazioni e gruppi che firmano questo appello, si sono svolti presso l’Oratorio di S. Antonio, via S. Antonio 22 a Trento. I partecipanti sono: Progetto Volontari 2011 (Trento), Progetto Accoglienza S. Antonio, Comitato Non Laviamocene Le Mani (Rovereto), Volontari Cognola-Martigiano, Volontari Valsugana, Rete Radié Resch Trentino. 

 
PDFStampaE-mail

Mozambikes

camPartecipa anche tu al crowdfunding per donare una bicicletta ad un assistente sanitario a Caia con il CAM. Di cosa si tratta ? Gli assistenti domiciliari operanti a Caia nelle comunità più remote hanno bisogno di 32 nuove biciclette “speciali”; Mozambikes le produce, CAM le distribuisce agli assistenti e chiunque può contribuire alla raccolta fondi per pagare le biciclette. Cosa e’ Mozambikes? Mozambikes è una start-up mozambicana che realizza e vende/distribuisce in tutto il Mozambico biciclette belle, robuste e adatte al contesto, creando lavoro in Mozambico e appoggiando progetti sociali per dotare le comunità bisognose in tutto il paese di biciclette. Abbiamo candidato il gruppo di assistenti domiciliari e il nostro progetto sanitario a ricevere le biciclette attraverso la campagna di crowdfunding che Mozambikes ha attivato sul proprio sito: il progetto – dal costo di 5.200 $, comprende oltre a 32 nuove biciclette che saranno realizzate con il logo del CAM anche il trasporto da Maputo a Caia, i pezzi di ricambio, un corso di manutenzione generale e la formazione di un meccanico addetto alla riparazione. Le biciclette saranno dei mezzi preziosissimi, per sostituire quelle attuali, vecchie, di scarsa qualità e inaffidabili, consentendo agli attivisti, riuniti nell’associazione Mbaticoyane, di raggiungere i malati che ciascuno di loro assiste quotidianamente (a volte percorrendo anche 40 km al giorno), offrendo appoggio nelle cure, portando farmaci, consulenza e supporto alle famiglie e, laddove ve ne sia bisogno, trasportando i malati fino all’ospedale di Caia con le “bici ambulanza”.Partecipa anche tu facendo una donazione con carta di credito/Paypal sul sito di Mozambikes (in inglese o portoghese scegliendo la campagna ASSOCIAÇÃO MBATICOYANE | CAIA) oppure con un bonifico sul conto del CAM: IBAN – IT53 M08304 01850 000050302139 indicando nella causale “Mozambikes”. Informazioni: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , 0461 232401.

 
PDFStampaE-mail

Ero Straniero

erostranieroEro Straniero è una campagna culturale ed una legge di iniziativa popolare per cambiare il racconto, superare la legge Bossi-Fini e vincere la sfida dell’immigrazione puntando su accoglienza, lavoro ed inclusione. COSA SI PROPONE? Canali diversificati per l'ingresso al lavoro a partire dall'introduzione di un permesso di soggiorno temporaneo per ricerca lavoro; regolarizzazione su base individuale degli stranieri integrati a fronte di un "radicamento"; accoglienza diffusa in realtà di piccole dimensioni ampliando il sistema SPRAR ed investendo su integrazione e lavoro. Scopri di più: informati qui. Scopri qui i dettagli dell'iniziativa di legge popolare. Scopri dove firmare. Visita la pagina fb della campagna. E' una campagna promossa da: Radicali Italiani, Fondazione Casa della carità “Angelo Abriani”, ACLI, ARCI, ASGI, Centro Astalli, CNCA, A Buon Diritto e CILD. Informazioni:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , 0225935243.

   
PDFStampaE-mail

Salviamo il Lago d'ideo e il fiume Chiese

idroLegambiente Lombardia e l'Associazione Amici della Terra Lago D'Idro e Valle Sabbia chiedono cin una petizione che i 3 dominus del lago d'Idro, Stato, Regione Lombardia e Provincia autonoma di Trento, costituiscano un Ente gestore paritetico, transregionale, cui venga data l'autorità di effettuare un bilancio idrico su tutta l'asta del fiume Chiese nelle tre Province di Trento, Brescia e Mantova, per censire ogni concessione in essere verificando eventuali sprechi e poter intervenire per imporre una conversione verso il risparmio della risorsa, e che possa imporre ogni altro provvedimento nella direzione indicata dalla Direttiva 2000/60/CE, al fine di realizzare una gestione coordinata dell'intero bacino dalla sorgente del fiume Chiese fino alla sua immissione nel fiume Oglio, per evitare che il patrimonio ambientale del Lago D'Idro venga nuovamente danneggiato da una gestione con svasi di 3,25 metri verticali come prevede il regolamento regionale del 2002, ed evitare quindi che un territorio debba soffrire più di un altro. Informazioni:  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

 
PDFStampaE-mail

Saharawi - Il Popolo diviso

cover tempora mIn occasione del 19° anniversario della nascita, il 21 marzo 1998, dell'Associazione Tempora Onlus è stato realizzato e pubblicato l'ebook Saharawi - Il Popolo diviso che è possibile scaricare gratuitamente.  L’Associazione persegue esclusivamente fini di solidarietà sociale ed internazionale e non ha scopo di lucro. Le specifiche finalità dell’Associazione sono: cooperare allo sviluppo dei paesi e dei popoli, con specifico riguardo ai paesi in via di sviluppo; migliorare le condizioni economico – sociali, sanitarie e lavorative delle popolazioni dei paesi in via di sviluppo; garantire la difesa dei diritti umani e civili; sensibilizzare la comunità locale sulle tematiche e sulle problematiche delle popolazioni dei paesi in via di sviluppo; sensibilizzare la comunità locale sui valori della solidarietà, dell’uguaglianza e della pari dignità individuale e sociale; favorire l’attuazione di nuovi modelli sociali presso paesi e popolazioni in condizioni di obiettivo disagio. Informazioni: 342 5144241,  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

   

Pagina 1 di 12

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>
Forum Trentino per la Pace e i diritti umani Trentino Solidarieta