Video

Come iscriversi alla newsletter:

La diffusione dei contenuti di Abitare la Terra è rivolto a tutti coloro che si interessano di cooperazione internazionale, solidarietà globale, sviluppo sostenibile, volontariato, pace, diritti umani e non violenza in Trentino e avviene gratuitamente anche grazie all’invio via e-mail di una newsletter settimanale che informa gli iscritti su data, luogo, titolo, contenuto e contatti dell’iniziativa.  

Come comunicare gli eventi:

Per pubblicare le iniziative inerenti ai temi trattati sul sito, sulla newsletter settimanale e sulla pagina facebook basta inoltrare le informazioni ad info@abitarelaterra.org entro e non oltre le 12.00 del venerdì antecedente la settimana interessata dall'evento complete di un numero di telefono e di una e-mail di riferimento per eventuali ulteriori informazioni a disposizione degli utenti. Il servizio è GRATUITO!

Chi siamo:

Abitare la Terra è un servizio di informazione gratuito  curato dall'Associazione Tremembè e sostenuto dall’Assessorato all’Università, ricerca, politiche giovanili, pari opportunità e cooperazione allo sviluppo della Provincia Autonoma di Trento e dal Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani rivolto a tutti coloro che si interessano di cooperazione internazionale, solidarietà globale, sviluppo sostenibile, pace, diritti umani e non violenza in Trentino. Grazie e buona lettura!

Sponsor:


logo pat nuovo  assess univers 14
 
trentino cooperazione
 
 
logo forum web
 
 
 
 




 

Seguici anche su:

000facebook

Abitare la Terra - L'agenda solidale
PDFStampaE-mail

SETTIMANA NAZIONALE PER LA PREVENZIONE ONCOLOGICA

untitled design 141In occasione della SETTIMANA NAZIONALE PER LA PREVENZIONE ONCOLOGICA dal 18 al 26 marzo 2017 sarà possibile ricevere il vademecum presso le Sedi LILT a Trento e in provincia e presso gli stand organizzati durante la Campagna, dove verrà proposto anche l’olio extravergine di oliva 100% italiano, gadget della Campagna ed elemento simbolo della sana alimentazione, offerto a fronte di un piccolo contributo a sostegno delle attività di prevenzione oncologica dell’Associazione. la LILT vi aspetta quindi a Trento all’ingresso dell’Ospedale Santa Chiara nei giorni di lunedì 20 marzo e venerdì 24 marzo (ore 9-18); presso l’Oratorio del Duomo (1° piano) nei giorni di martedì 21 marzo (ore 15-18), mercoledì 22 marzo (ore 8.30-11) e giovedì 23 marzo (ore 8.30-11). I volontari LILT si attiveranno anche in Provincia: a Borgo Valsugana domenica 9 aprile (ore 8 -12) punto informativo in P.zza Martiri della Resistenza a Rovereto; venerdì 24 e sabato 25 marzo (venerdì 9-12/16-19; sabato 9-12) punto informativo presso l’ingresso della Farmacia Comunale di Via Paoli (in collaborazione con Farmacie Comunali – AMR Rovereto) a Padergnone giovedì 23 marzo ore 20.30, presso la Sala Consiliare, serata informativa “Aromaterapia e benessere - come e quando usare gli oli essenziali” a cura della dott.ssa Mariavaleria Ropelato; introduce la serata il dott. Gino Zambaldi. Punti informativi anche presso le sedi delle Delegazioni a Borgo, Cavalese, Cavedine, Cles, Mezzano, Pergine, Riva del Garda, Rovereto, Tione. Informazioni: 0461922733, Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

 
PDFStampaE-mail

XIII Settimana d’Azione contro il Razzismo

logo a colori e meglio 2017Nell’ambito della Settimana d’Azione contro il Razzismo, il Comune di Riva del Garda in collaborazione con numerosi altri partner promuove il progetto "L’arte di migrare" che si terrà dal 20 al 26 Marzo 2017. Si tratta di una serie di iniziative diverse e tra loro interconnesse - seminario, mostra interattiva, cineforum, spettacolo teatrale e spettacolo musicale con l’obiettivo di favorire la creazione di un contesto sociale e culturale in grado di prevenire fenomeni di discriminazione e intolleranza e promuovere una società più accogliente e capace di confrontarsi con le proprie dinamiche di cambiamento identitario.mIl progetto co-finanziato nell’ambito dell’Avviso pubblico APSAC 2017 dell’UNAR. PROGRAMMA: Lunedì 20 marzo | ore 18.00. Conoscere per sconfinare (Inaugurazione della mostra interattiva); Martedì 21 marzo | ore 21.00. Molteplici sguardi su Riva (Presentazione della ricerca); Mercoledì 22 marzo | ore 16.30. Almanya (film); Giovedì 23 marzo. Laboratori con le Scuole secondarie di primo e secondo grado; Venerdì 24 marzo | ore 21.00. Io sono Li (film); Sabato 25 marzo | ore 21.00. Donne unite contro l’Islamofobia (performance di Teatro dell’Oppresso); Domenica 26 marzo | ore 11.00. Radici (spettacolo musicale). Tutti gli eventi sono a ingresso libero e gratuito. Informazioni: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , 0461093022.

 
PDFStampaE-mail

Cibo e salute: quale rapporto? Il ruolo dell’educazione alimentare nell’ottica di uno sviluppo sostenibile.

image"Cibo e salute: quale rapporto? Il ruolo dell’educazione alimentare nell’ottica di uno sviluppo sostenibile". E’ questo il titolo del concorso lanciato da ASSFRON (Associazione Scuola Senza Frontiere) con il supporto del Dipartimento della Conoscenza della Provincia Autonoma di Trento e dell’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari. La finalità è quella di attivare una vasta sensibilizzazione su tematiche di interesse universale promosse dall’ONU sull’urgenza che ciascuno si impegni in una campagna che dica no allo spreco di cibo, di acqua, di energia, con il concorso si vuole integrare l’azione di sensibilizzazione condotta nelle scuole di ogni ordine e grado da un team di esperti volontari di ASSFRON che ad oggi hanno già incontrato 150 classi in tutte le valli del Trentino ed in ogni ordine di scuola dalle elementari alle superiori. Due pediatri di lungo corso, un fisiatra ed un esperto volontario di ASSFRON con la preziosa collaborazione di insegnanti e dirigenti scolastici hanno già incontrato oltre 3000 scolari/ studenti. Il concorso è aperto a tutte le scuole di ogni ordine e grado, ed è diviso in tre categorie: visiva, scritta e multimediale ed è possibile partecipare con un disegno, con una ricerca, con una poesia o una canzone, con la realizzazione di un elaborato multimediale (filmato della durata massima di 4 minuti) oppure Power Point o con un sito web sul tema oggetto del concorso. L’elaborato scritto deve avere la lunghezza massima di 3000 battute spazi compresi. Una giuria coordinata dal Dipartimento della Conoscenza valuterà gli elaborati e tutti i partecipanti saranno invitati alla cerimonia di premiazione prevista a inizio maggio. Scadenza del concorso 30 marzo, informazioni  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. dott.sa Zanetti o Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . Per avvalersi della presenza gratuita degli esperi è sufficiente contattare ASSFRON all’indirizzo mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . Il concorso si avvale del sostegno dell’ITAS ASSICURAZIONI di Trento . 

 
PDFStampaE-mail

Argentario Day

3 argentario day  27 febbraioArgentario Day prepara la settima edizione per sabato 1 aprile nella circoscrizione dell'Argentario: una giornata all’insegna dell’amicizia e della convivialità che si propone di rafforzare il senso di responsabilità e di partecipazione largamente condiviso nelle precedenti edizioni con le "Le pulizie di primavera", un'azione comune di pulizia, manutenzione e miglioramento del bene comune. Oltreché apportare un abbellimento al nostro paese, rappresentano una grande festa di comunità perché fare le cose insieme rafforza il senso di amicizia, di gruppo, di appartenenza e ci fa stare bene, dando fiducia nel futuro. Rendi più bello il tuo territorio. Diventa protagonista della tua Comunità. Informazioni: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , 3351891887, 3384157742.

 
PDFStampaE-mail

EDUCA 2017

faviconEDUCA è un progetto culturale nato nel 2008 come evento annuale, campagna di sensibilizzazione dal 2015 e da quest’anno anche concorso rivolto alle scuole per rilanciare la riflessione sui temi educativi. Ogni anno il festival dell’educazione è una chiamata a confrontarsi e condividere interrogativi, esperienze e riflessioni. Dà spazio a tutti i linguaggi, anche quelli artistici, culturali e al gioco per riconquistare l’educazione anche come esperienza gioiosa, appassionante e divertente. Il 7, 8 e 9 aprile a Rovereto propone appuntamenti – seminari, presentazioni di libri e ricerche, laboratori, giochi, spettacoli e mostre – con ospiti di fama nazionale e internazionale dedicati a bambini, giovani, genitori, insegnanti ed educatori e per tutti coloro che hanno passione per il futuro. Istruzione, lavoro, economia, legami famigliari e sociali, innovazioni tecnologiche e scientifiche, migrazioni: la società oggi è sottoposta, forse come mai prima d’ora, a mutamenti profondi che impattano sulle dimensioni fondamentali individuali e collettive. Per le nuove generazioni questi cambiamenti – tecnologici, sociali, culturali e professionali – possono diventare opportunità e non limiti? Quali valori e competenze le aiuteranno ad essere uomini e donne capaci, generosi, solidali, impegnati per sé e per gli altri? Come si possono alimentare i loro desideri e il coraggio di provare a realizzarli? Quali strategie si possono mettere in atto per contrastare povertà, diseguaglianze e stereotipi? Partendo proprio dai protagonisti del domani a EDUCA si proverà a rispondere a questi interrogativi facendo emergere i segni del nuovo che nasce per immaginare nuove forme di incontro, riconoscimento e sostegno reciproco, nuovi modi di essere io e noi e di abitare il mondo. Il programma elaborato dal Comitato promotore è arricchito dalle proposte di molte agenzie educative, scuole, associazioni, cooperative, istituzioni, enti di ricerca e culturali. Informazioni e programma: 345 8819033, Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

 
PDFStampaE-mail

Nuove progettualità?

call 300x251Anche quest’anno, il Consiglio della pace ha deciso di indire una call per le associazioni del Forum trentino per la Pace e i Diritti umani Il tema del 2017 riprendere gli argomenti toccati nel corso dell’incontro con il filosofo della politica Giuliano Pontara: “Le Vie della Pace. Pratiche quotidiane per superare violenza, ingiustizia economica e sociale“. Infatti, questa call chiede alle associazioni individualmente o in partnership fra loro, di sviluppare riflessioni, azioni in progetti che stimolino una cultura di pace a partire proprio dalle piccole pratiche quotidiane che ogni persona può agire. Tutte le associazioni del Forum potranno candidarsi seguendo i parametri del bando entro il 19 aprile. Informazioni, scheda progetto e bando: 0461213176, Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

 
PDFStampaE-mail

Trento Film Festival

tff manifesto 2017 214x300Fondato nel 1952, Il Trento Film Festival è il primo e più antico festival internazionale di cinema dedicato ai temi della montagna, dell’avventura e dell’esplorazione. Per questi argomenti il Trento Film Festival è da oltre sessant’anni l’evento di riferimento, divenuto negli anni un vero laboratorio di visioni e riflessioni sulle terre alte del pianeta, abbracciando un orizzonte più ampio, tra questioni ambientali, culturali e di attualità, che hanno reso più stimolante e variegato l’ambito della manifestazione e la sua programmazione. Quest'anno dal 27 aprile al 7 maggio 2017 il Trento Film Festival presenta i migliori documentari, film di fiction e cortometraggi che hanno per scenario montagne e regioni estreme del mondo e raccontano il rapporto affascinante e complesso tra uomo e natura, promuovendo la conoscenza e la difesa dei territori, approfondendo i legami con popoli e culture, celebrando le grandi e piccole imprese alpinistiche e degli sport di montagna. Momento di incontro per la presentazione e promozione di film e video di ogni nazionalità, genere e durata che affrontino i temi della montagna, dell'avventura, dell'esplorazione e della sostenibilità sarà come ogni anno affiancato dalla consueta Rassegna Internazionale dell'Editoria di Montagna, MontagnaLibriInformazioni e programma: 0461986120, Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

 
PDFStampaE-mail

Festival dell'Economia

fe17 header itDal 1 al 4 giugno il Festival dell'Economia si occuperà delle differenze nelle condizioni di salute e nella longevità delle persone sono talvolta ancora più marcate che le differenze nei livelli di reddito. Il Gabon ha un reddito medio, a parità di potere d’acquisto, superiore a un terzo di quello medio degli Stati Uniti, ma in Gabon muoiono nel primo anno di vita 5 bambini su 100 nati vivi, mentre negli Stati Uniti questo avviene per 5 bambini su 1000. Vi sono profonde differenze nella speranza di vita anche all’interno degli Stati Uniti: chi nasce e vive nelle zone rurali, che hanno regalato la vittoria a Donald Trump, vive mediamente fino a 30 anni in meno di chi vive nelle grandi città. Emergono in maniera sempre più netta anche differenze di genere: le donne sono più longeve degli uomini, ma soffrono con maggiore probabilità di malattie che causano dolore e invalidità.mNei paesi sviluppati le disuguaglianze di salute potrebbero notevolmente aumentare con l’invecchiamento della popolazione. Ci sono fattori culturali, ambientali, sociali, legati al lavoro, che incidono profondamente sulle condizioni di vita, l’alimentazione e la prevenzione delle malattie. E le terapie più efficaci per alcune malattie spesso sono troppo costose anche per il più generoso dei sistemi sanitari nazionali. Informazioni e programma: 0461260511, Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

 
PDFStampaE-mail

I nuovi moduli per il settore della cooperazione internazionale

nuova modulistica per progetti di cooperazione internazionale allo sviluppo educazione alla cittadinanza globale interscambi articleimageSu Trentino Cooperazione e Solidarietà internazionale sono on line i nuovi moduli  per il settore della cooperazione internazionale. Questa nuova modalità rende più veloce, più chiara e più efficace la comunicazione nelle varie fasi della gestione dei contributi: dal momento di presentazione della domanda per finanziare il progetto alla conclusione delle attività, automatizzando la compilazione e facilitando le modalità di trasmissione.Vedi le indicazioni del Servizio attività internazionali in pillole: la nuova modulistica in pilloleInformazioni: 0461493441, Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

 
PDFStampaE-mail

KIT PER PROGETTARE IN PARTNERSHIP

progettareNon Profit Network presenta il kit per progettare in Partnership che contiene quattro strumenti per costruire progetti in partnership trasversali al settore sociale, culturale, ambientale, di rigenerazione urbana, di gestione dei beni comuni, di sviluppo locale. Completa il kit di strumenti “le so tutte”, una guida alla progettazione di percorsi di formazione. Qui per SCARICALO! Informazioni:  0461.916604, Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

 
PDFStampaE-mail

Il taccuino Kibo e la T-shirt extraterrestre

kiboSi chiama "Kibo" ed è un taccuino interamente artigianale realizzato dai richiedenti protezione internazionale accolti a Trento. Il taccuino è frutto di un laboratorio artigianale allestito presso la Residenza Brennero in un percorso di valorizzazione del tempo libero e acquisizione di abilità lavorative con i richiedenti protezione internazionale denominato progetto Officina Richiedenti Asilo, promosso dalla Provincia autonoma di Trento (attraverso il Cinformi) in collaborazione con la cooperativa Kaleidoscopio. Ora il progetto c'è un'altra novità, poiché i profughi hanno dato vita ad un ulteriore prodotto: una T-shirt caratterizzata da un simpatico personaggio inedito (una sorta di “extraterrestre”), stampata a mano con tecnica serigrafica e proveniente dal circuito del commercio equo. Il personaggio creato ad hoc, “Mr. Willyfly”, è un essere misterioso, una sorta di extraterrestre appunto. Uno che “viene da fuori” al quale ciascuno dà le sembianze che meglio crede. Un po' come i migranti che l’hanno ideato, ai quali ciascuno attribuisce un'immagine vedendo in loro una risorsa o una minaccia, una storia da ascoltare o qualcuno da evitare. Per la commercializzazione dei prodotti è stato predisposto uno specifico spazio nel punto vendita del negozio Mandacarù di Piazza Fiera a Trento. Il ricavato delle vendite verrà utilizzato per iniziative a favore dei richiedenti protezione internazionale che hanno partecipato all'iniziativa. Informazioni: 329.0979120.

 
PDFStampaE-mail

La Carta di Trento

la-carta-di-trento-va-ad-expo-con-la-cooperazione-trentina imagelargeLa cooperazione internazionale del Trentino offre il proprio contributo all'eredità di Expo 2015 con la "Carta di Trento" per una migliore cooperazione. Il documento per il diritto al cibo è stato presentato ad Expo il 30 ottobre. La "Carta di Trento" non è una carta di principi scritti a tavolino, ma un documento frutto di un percorso partecipato da attori della cooperazione internazionale istituzionali e non governativi, avviato nel 2008 a Trento all'interno delle iniziative della World Social Agenda, un progetto di Fondazione Fontana onlus. La Provincia autonoma di Trento è il sistema regionale in Italia che stanzia più fondi per la cooperazione internazionale, con il 0,25% del suo bilancio dedicato ai progetti nei Paesi in via di sviluppo. La "Carta di Trento" è stata scritta da chi opera in prima linea per il diritto al cibo ed è frutto dell'esperienza maturata sul campo nei progetti di sicurezza e sovranità alimentare. Il documento tratta temi di scottante attualità come il land grabbing, ovvero la corsa all'accaparramento delle terre in Africa e in Asia da parte di investitori esteri, la necessità di una riforma della finanza per tutelare il cibo dalla volatilità causata dalla speculazione finanziaria senza regole, l'agroecologia come via alternativa per incrementare la produzione nel rispetto dell'ambiente e delle comunità locali. I promotori della Carta di Trento sono: Accri, Amref Italia, Associazione Trentino con i Balcani, Centro per la formazione alla Solidarietà Internazionale, Comitato Collaborazione Medica, Consorzio Associazioni con il Mozambico, Cuamm Medici con l'Africa, Docenti Senza Frontiere, Fondazione Fontana, Fondazione Ivo de Carneri, Gruppo Trentino Volontariato, Ingegneria Senza Frontiere, Ipsia del Trentino, Mandacarù, Muse-Museo delle scienze, Osservatorio Balcani e Caucaso, Progetto Prijedor, Saint Martin CSA–Kenya, Tremembè, Università degli Studi di Trento, Wwf Trentino Alto Adige. Hanno inoltre apportato un contributo all'elaborazione: Ctm altromercato, Servizio emigrazione e solidarietà internazionale della Provincia autonoma di Trento, Focsiv. Informazioni: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , 0461390092.

 
PDFStampaE-mail

Accoglienza richiedenti protezione internazionale

focus accoglienza richiedenti protezione internazionale in trentino immagine dettaglio2Quanti sono i richiedenti protezione internazionale accolti in Trentino? Quali sono i servizi offerti? Quanto e come si spende per l'accoglienza? Chi sono i richiedenti protezione internazionale? Da quali soggetti è composta la rete dell'accoglienza? A queste e altre domande rispondono le slide predisposte dal Cinformi del Dipartimento salute e solidarietà sociale della Provincia autonoma di Trento. Nelle schermate della dispensa è disponibile il quadro aggiornato dell'accoglienza in Trentino con il dettaglio dei costi, l'elenco dei diversi servizi e tutti i soggetti che compongono la rete impegnata con i richiedenti protezione internazionale. Persone che, su precisa richiesta dello Stato italiano, la Provincia autonoma di Trento responsabilmente accoglie. Un'accoglienza di cui le famiglie possono essere protagoniste comunicando la propria disponibilità al Cinformi. La notizia e le slide offrono anche le risposte alle domande più frequenti e diversi link a foto, video e approfondimenti che esprimono l'accoglienza in Trentino, l'incontro dei profughi con la comunità e il loro vissuto prima e dopo il loro "viaggio della speranza". Disponibile inoltre il quadro del fenomeno richiedenti protezione internazionale in Italia, in Europa e nel mondo. Informazioni:0461405600.

 
PDFStampaE-mail

Campagna per aiutare VANJA VORONOV

ppVanja è un bambino di 9 anni fino al 10 gennaio viveva in Ucraina sud orientale come tutti i suoi coetanei fra gioco e paura. Vanja abitava in un villaggio del Donbass colpito dalla guerra fratricida che da un anno imperversa nel sud est del paese. Quel giorno a causa di un bombardamento dell'esercito ucraino il bambino, mentre stava giocando con il fratellino di cinque anni nel cortile di casa, è stato colpito da una bomba. Il fratellino è morto e Vanja ha riportato gravissime ferite. Attualmente si trova in cura a Mosca nell'Istituto di ricerca di Chirurgia d'urgenza e Traumatologia del professor Leonid Roshal. L'associazione Aiutateci a Salvare i Bambini vuole essere vicino a Vanja e alla sua famiglia che dovranno affrontare un percorso di dolore e impegni economici. Molti saranno gli interventi chirurgici e dopo la guarigione un lungo periodo di riabilitazione e l'acquisto di protesi per entrambe le gambe e il braccio destro amputati. Aiuta anche Tu Vanja e attraverso Vanja essere vicino a tutti i bambini del Donbass: UNICREDIT Causale VANJA - IBAN IT 44 S 02008 20800 000101660007 o dona on-line. Informazioni: 3280210408, Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

 

 
PDFStampaE-mail

Trento - Colazioni Rebeldi da Zapata

csbTorna dal 7 marzo presso il Centro Sociale Bruno di una sveglia allegra e gustosa fatta assaporando il caffè zapatista, lo zucchero dei Sem Terra e i prodotti genuini del nostro territorio (centrifughe, infusi, torte fatte in casa, marmellate, burro, miele, yogurt ecc. tutti rigorosamente a km0). Ogni sabato dalle 9.00 alle 13.00. Informazioni: 393289173733,  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. .

 
Forum Trentino per la Pace e i diritti umani Trentino Solidarieta