La stufa che cova le uova e ricarica i cellulari

La stufa che favorisce il risparmio energetico e cova le uova ora è anche in grado di ricaricare i cellulari. È questa la nuova “sfida” promossa dall'Istituto Pace Sviluppo e Innovazione (IPSIA) delle ACLI Trentine in partenariato con Fondazione Fontana e l'associazione Tree is Life in Kenya. Ad accettare la sfida è stato l'artigiano Gianni Gecele in collaborazione con altri volontari, che ha apportato alla già famosa "stufa che cova le uova" un'innovazione al passo coi tempi. La stufa che cova le uova è un successo internazionale. Presentata a Papa Francesco in Vaticano e all'EXPO di Milano, fu premiata nell'ottobre 2014 a Nairobi con il Green Innovation Award e riconosciuta dalle Nazioni Unite (Agenzia Unwomens) per il contributo che dà nel migliorare le condizioni di vita delle donne (sono loro che macinano chilometri per recuperare la legna per riscaldarsi e cucinare). La “cucina” è una tecnologia sociale aperta, free, come un software a codice aperto per un computer. Chiunque può costruirsela. E migliorarla. Ecco perché con il passaparola è arrivata anche in altri paesi della Rift Valley come Uganda, Tanzania e Malawi. Chi fosse interessato a supportare il progetto può fare una donazione a Ipsia del Trentino: IBAN IT29 G083 0401 8070 0000 7335 132. Informazioniipsia@aclitrentine.it, 3498574780

Metodi di cooperazione allo sviluppo e gestione partecipata dei progetti

Ritorna anche quest’anno il corso sulla cooperazione internazionale di livello universitario, ma gratuito e aperto a tutti! Il corso, promosso dall’Università di Trento, Cattedra UNESCO in Ingegneria per lo Sviluppo Umano e Sostenibile, rientra nell’offerta formativa della Laurea Magistrale in Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio, Orientamento "Progettazione Integrata dell’Ambiente e del Territorio nei contesti di Cooperazione Internazionale”. Offre una opportunità davvero singolare di formazione iniziale e di aggiornamento professionale su tutti i temi della cooperazione internazionale ed è quindi utile a studenti e lavoratori di qualsiasi disciplina. CONTENUTI: il corso si articola in due moduli, strettamente connessi fra loro: Metodologie di cooperazione internazionale e Gestione partecipata dei progetti. Previsti anche alcuni Laboratori Opzionali. LUOGO-DATE-ORARI: le lezioni si terranno in aula EA LAB del Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica dell’Università di Trento, tutti i lunedì a partire dal 17 settembre fino al 17 dicembre 2018 negli orari: 10.30-13.30 e 14.30-18.30, per un totale di 80 ore d’aula. DESTINATARI: studenti universitari di tutti corsi di laurea, anche umanistici; liberi professionisti, funzionari di pubbliche amministrazioni, imprenditori, insegnanti e docenti interessati alle tematiche pro-poste o che operano in contesti internazionali. Gli iscritti beneficiano anche di un tutoring personalizzato e quindi possono adattare il percorso alle loro esigenze personali. Pure il dialogo con i docenti e fra gli studenti è aperto e incoraggiato. REQUISITI: la partecipazione al corso è libera; è richiesta una semplice iscrizione per iscritto. CREDITI FORMATIVI: agli studenti che inseriscono l’esame nel proprio piano di studi e superano regolarmente l’esame, sono riconosciuti 6 (sei) crediti formativi. ATTESTATI: a fine corso sarà consegnato a chiunque lo richieda un attestato di partecipazione, previa iscrizione e regolare frequenza, o un attestato di profitto, in caso di superamento dell’esame. Informazioni: massimo.zortea@unitn.it, unescochair.eng@unitn.it.

SI Parte - Guardare oltre

SI Parte - Guardare oltre. Cooperazione internazionale: valori, sfide globali e opportunità. Corso introduttivo del Centro per la Cooperazione Internazionale alla cooperazione internazionale dal 13 novembre al 10 dicembre  sulle tappe che ne hanno segnato l'evoluzione e sul senso e l'importanza di tale settore oggi. Cos’è la cooperazione internazionale? Da quali valori è animata? In quali sfide è coinvolta? Qual è il protagonismo dell’altro? Cosa ci “guadagna” il donor? Passando attraverso le tappe che hanno segnato l’evoluzione della cooperazione internazionale, il corso intende anzitutto costruire pensiero sul significato di tale settore oggi. Vuole altresì Guardare oltre la logica dell’aiuto e porre l’accento sulla reciprocità delle relazioni di cooperazione internazionale, dalla crescita personale e professionale, alla necessità di concorrere insieme alle sfide globali, alle opportunità di crescita territoriale. Il corso permette di acquisire le coordinate di base per iniziare a muoversi nel settore sia a titolo volontario, partecipando attivamente all’associazionismo, sia professionalmente, attraverso la costruzione del proprio curriculum formativo. E’ infine altamente consigliato a chi intende svolgere attività di volontariato di breve durata (1 – 3 mesi) nei paesi interessati da relazioni di cooperazione internazionale. Obiettivi: Conoscere le tappe che caratterizzano l’evoluzione della cooperazione internazionale e riflettere sul suo significato oggi, Sviluppare pensiero critico, Orientarsi nei profili e nelle opportunità professionali del settore. Destinatari: Studenti e studentesse, chi ha appena iniziato ad operare nella cooperazione internazionale, cittadini e cittadine o chiunque, a vario titolo, sia interessato ad avvicinarsi al tema. Non sono richiesti prerequisiti.  Il corso è aperto ad un massimo di 25 partecipanti. La domanda di adesione online è disponibile anche all’indirizzo www.cci.tn.it e dovrà pervenire entro l’8 novembre 2019. In caso di selezione verrà data precedenza a studenti e studentesse dell’Honours Programme TALETE, a chi ha già partecipato ad altri corsi del sistema SI Parte 2018 e 2019 per poi seguire l’ordine di arrivo delle iscrizioni. L’adesione prevede la partecipazione all’intero corso (17,5 ore complessive). Verrà rilasciato un attestato a chi avrà partecipato almeno all’80% delle ore a programma. Il corso è accreditato presso il Dipartimento Istruzione e gli/le insegnanti interessati/e potranno richiedere l’attestato di partecipazione che è ritenuto valido ai fini dell’aggiornamento. Informazioni: 0461 1828600, info@cci.tn.it.

Sostegno ai bambini vittime degli attentati a Volgograd

L'Associazione Aiutateci a Salvare i Bambini onlus dopo Beslan si è attivata per portare sostegno ai bambini vittime degli attentati di Volgograd iniziando una raccolta di fondi che serviranno a queste due bambine, come ad altri piccoli, dopo la fase acuta del ricovero e della guarigione. La risposta e' stata, come sempre, positiva. Nei primi giorni sono già stati raccolti oltre mille Euro che verranno utilizzati, a fine raccolta assieme alle donazione che perverranno nelle prossime settimane, in accordo con la municipalità di Volgograd e la locale non profit Fondo caritatevole di aiuto sociale alla popolazione "RegionDobra". Nel ringraziare i donatori l'associazione rivolge un invito a proseguire nell'aiuto: la solidarietà umano non ha prezzo, ma ha un immenso valore. "Aiutateci a salvare i bambini di Volgograd dai terribili postumi delle ferite fisiche e psicologiche. Grazie a tutti quelli che risponderanno al nostro appello". Informazioni e donazioni: info@aiutateciasalvareibambini.org.

Questo sito utilizza i cookies per offrirti un'esperienza migliore. Utilizzando questo sito accetti all'utilizzo dei cookies da parte nostra.