FALENABLU E LA “VENERE DEL GABAN”

Spettacolo di teatro itinerante presso il sito del Riparo Gaban per una cultura che contrasti la violenza di genere in tutte le sue forme. Il tema della violenza di genere è purtroppo sempre all’ordine del giorno. Sia essa fisica, psicologica o di altro tipo, assume forme sempre collegate ad un impianto culturale predatorio e ad un uso improprio del linguaggio. L'associazione Falenablu da sette anni si dedica al tema della discriminazione di genere in tutte le sue declinazioni, con laboratori per donne vittime di violenza ma anche seminari e conferenze rivolti a scuole, docenti, operatori e chiunque condivida l’idea del contrasto al potere di genere e dell’utilizzo dell’arte per riscoprire la bellezza. La valorizzazione delle relazioni umane passa anche da azioni preventive di informazione e approfondimento per ridare voce ad una cultura femminile che nella storia più lontana è sempre stata presente. L’evento porterà gli spettatori in piena natura, proprio sul luogo del ritrovamento, tra segni e installazioni, per assistere a performance e monologhi teatrali che riguardano il tema della “Dea Madre”, in un metaforico “disseppellimento” del femminile. Gli spettacoli si terranno il 13 e il 14 settembre alle 19.00 e il 15 settembre alle 6.30; il pubblico sarà accolto da un accompagnatore di media montagna per un’introduzione geologica e archeologica del luogo prima di entrare nel vivo dello spettacolo, arricchito anche da alcuni interventi musicali al femminile. La partecipazione è gratuita ma per informazioni e prenotazioni è possibile consultare il sito. L’iniziativa è realizzata grazie anche alla collaborazione dell'Università di Trento – Dipartimento di Lettere e Filosofia, della Soprintendenza per i Beni Culturali della PAT, dell’Ecomuseo dell’Argentario e del Muse. Informazioni: progetto.falenablu@gmail.com.

Cittadini al tempo del digitale

"Cittadini al tempo del digitale", è questo il tema della terza edizione che dal 16 al 22 settembre animerà piazza Duomo, Palazzo Geremia e altri luoghi di Trento con appuntamenti dedicati ai diritti, ai doveri, alle opportunità e ai rischi rappresentati dall'utilizzo degli strumenti digitali, ormai diffusi nella vita quotidiana. Anche quest'anno saranno tre le sezioni: nel "Villaggio Digitale" di piazza Duomo vi sono gli appuntamenti che raccontano le tante proposte digitali degli enti coinvolti, #FuoriPiazza raccoglie invece le iniziative e gli eventi promossi da organizzazioni e cittadini, "Protagonisti Digitali" ci sarà la possibilità di ascoltare la voce di alcuni grandi testimonial e personalità della rete. E fra le tante proposte anche la possibilità di ottenere e provare gratuitamente la propria identità digitale, allo stand SPID presso il Villaggio Digitale. Informazioni ed orarisegreteria@smartcityweek.it, 0461.884123.

 

La Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti

Siamo felici di presentarvi dal 15 al 24 novembre il programma delle iniziative in Trentino in occasione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti #SERR, un progetto ideato e coordinato da Ortazzo, promosso dal Tavolo dell'Economia Solidale Trentina. L'organizzazione è a cura di Abilmente e Rotte Inverse (Alto Garda), El Costurero e Trento Consumo Consapevole (Trento), Terre Altre (Val di Fiemme) e L'Ortazzo (Valsugana). Oltre 30 gli eventi: film, mostre, laboratori, swap party, serate sulla cucina senza sprechi, dibattiti, spettacoli! Informazioni e programmiortazzo@gmail.com.

Il Teatro Sociale in due secoli di storia

Il Comune di Trento, invita alla mostra "Il Teatro Sociale in due secoli di storia. Memorie di scena: le opere, i balli, il cinema" a Sala Thun di Torre Mirana (via Belenzani 3, Trento). Inaugurazione venerdì 17 gennaio 2020 ore 17.00, apertura dal 18 gennaio al 2 febbraio 2020. La mostra indaga la storia del teatro cittadino anche attraverso l’esposizione delle riproduzioni dei manifesti degli spettacoli andati in scena tra il XIX ed il XX secolo (catalogati e digitalizzati dalla Biblioteca Comunale). Essi mostrano la grande varietà che caratterizzò il teatro fin dalla sua apertura. Completano l’allestimento alcuni costumi di scena e i bozzetti preparatori per il soffitto del teatro, realizzati nel 1920 da Alcide Davide Campestrini. Informazioni: 0461 884287, servizio.cultura-turismo@pec.comune.trento.it.

Questo sito utilizza i cookies per offrirti un'esperienza migliore. Utilizzando questo sito accetti all'utilizzo dei cookies da parte nostra.