Coronavirus: i numeri e i servizi

NumeriPer consultare agevolamene le ordinanze emesse nell'ambito dell'emergenza Covid19 consulta il software "Elevate". Per informazioni di carattere tecnico/sanitario in Trentino è attivo il numero verde 800 867 388. Chiama il 112 solo per le emergenze. Lo 0461 495244 è il numero del progetto #resta a casa, passo io per sostenere le persone fragili, anziane sopra i 75 anni, malate, senza rete familiare per necessità come la spesa, i farmaci, l'ascolto. Il numero 800 390 270 è il numero verde da comporre per richiedere Elastibus, il servizio di trasporto pubblico gratuito riservato a chi deve muoversi per esigenze di lavoro e urgenti ragioni sanitarie quando non è disponibile il normale trasporto pubblico. La particolare vulnerabilità delle persone anziane ha spinto l'Azienda provinciale per i servizi sanitari a stilare un decalogo di comportamenti da seguire per gli over 75, utili in questa fase di auto isolamento per tutelarsi al meglio e non correre rischi di contagio.  Uno strumento molto utile pubblicato in questi giorni è TreCovid19, un'app pensata per aggiornare tutte le persone interessate riguardo agli sviluppi dell'emergenza coronavirus in Trentino. Chiunque potrà accedere per trovare le ultime notizie, i numeri utili da contattare in caso di necessità, le linee guida da seguire, informazioni sui comportamenti da adottare e molto altro ancora. Infine Vicino@TE è la nuova piattaforma che mette in contatto i pazienti Covid-19 ricoverati in isolamento con i propri cari. I parenti possono accedere ai bollettini medici o richiedere informazioni sul proprio familiare, ricevere immagini o video del proprio caro e inviare dediche o messaggi di sostegno e d'affetto. Infine una sezione dedicata alle ordinanze locali che consentono alcune aperture della #fase2, come coltivare orti e terreni anche fuori dal comune, accedere - con mascherina - ai negozi florovivaistici, praticare attività motoria nel proprio comune...

 

Call 2020 del Forum trentino per la Pace e i Diritti Umani

Call2020Anche quest’anno, il Consiglio della pace ha deciso di indire una call per le associazioni del Forum trentino per la Pace e i Diritti Umani. Il tema scelto per il 2020 è “RICOMINCIO DA P – OBIETTIVO PACE”. Passati già quasi 5 anni dall’approvazione dell’agenda 2030 i risultati sono ancora lontani. Per questo il Forum chiede alle associazioni facenti parte del Forum di sviluppare iniziative (individualmente o in collaborazione tra di loro) inerenti al tema. BANDOSCHEDA DI PRESENTAZIONE PROGETTO E INFORMATIVA 2020. Informazioni e candidature entro il 23 marzo: 0461 213176.

Resta a casa, passo io

Resta a casa passo io imagefullwideUna rete coordinata dalla Provincia autonoma di Trento che valorizza tutte le espressioni territoriali dedicate a sostenere l'utenza fragile. E' questo l'obiettivo del progetto "Resta a casa, passo io", messo in campo dal Dipartimento Salute e Politiche Sociali in collaborazione con la Protezione civile e rivolto alle persone fragili, anziane e malate, senza rete familiare e costrette in casa dall'emergenza Coronavirus. Da oggi tutte queste persone potranno far riferimento al numero di telefono 0461 495244, gratuito, presso la Centrale Unica di Emergenza di via Pedrotti a Trento per necessità quali la spesa, i farmaci, l'ascolto. Le richieste saranno raccolte da personale qualificato e debitamente formato del Dipartimento Salute che risponderanno sette giorni su sette dalle 8.00 alle 20.00. Sul territorio poi entreranno in azione reti territoriali attivate dai servizi sociali delle Comunità di Valle e direttamente dal punto provinciale, grazie al coinvolgimento di gruppi locali e associazioni di protezione civile quali i NUVOLA e Psicologi per i Popoli. Informazioni: 0461 495244

Scappi o viaggi? Cerco il mio futuro, come te - Giornata Mondiale del Rifugiato 2020

With Refugees TrentinoProprio nello spirito dell'accoglienza, dell'ospitare chiunque chieda aiuto, che diciannove realtà trentine coordinate dal Forum Trentino per la Pace ei Diritti Umani hanno deciso di unirsi per celebrare la Giornata Mondiale del Rifugiato 2020. L'appuntamento, istituito dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, dal 2001 esorta ad una riflessione profonda e corale sui milioni di rifugiati e richiedenti asilo che, ancora oggi, nel mondo, fuggono da guerra, violenza e fame. Stando alle ultime stime, sono più di 70 milioni, attualmente, le persone costrette a lasciare la propria casa. Questi non sono solo numeri. Dietro ad ogni volto c'è una storia fatta di angoscia, paura, sofferenza. Storie, queste, di persone che vogliono ri-costruire il proprio futuro con una comunità capace di accoglierle. Così come Adamello Collini seppe accogliere le storie di ieri, così a noi spetta l'accoglienza delle storie di oggi. Proprio per questo, le diciannove associazioni trentine hanno scelto, per la Giornata Mondiale del Rifugiato di quest'anno, un titolo che è una domanda: "Scappi o viaggi? Cerco il mio futuro, come te". La "giornata" si articolerà, in realtà, in cinque eventi in programma per altrettanti giorni. Programma: Giovedì 18 giugno | 21.00 - Cosa accomuna una squadra di calcio, un collettivo di poeti e il soccorso di vite in mare? I giovani protagonisti di Poesie dal campo proveranno a rispondere, in diretta, a questa domanda, e non solo (online sul canale YouTube With Refugees Trentino). Venerdì 19 giugno | 21.00 - Che succede oggi ai rifugiati? Notizie dalla Terra darà voce a tre testimoni provenienti da tre continenti diversi: Maja Husejic, Alidad Shiri e John Mpaliza (online sul canale YouTube With Refugees Trentino). Sabato 20 giugno | 18.00 - E a Trento che si fa? Le associazioni hanno organizzato, per questa data, una manifestazione tra Piazza Duomo e via Belenzani nel rispetto delle norme anti-covid. Attraverso fotografie e parole, si porteranno in piazza pensieri, speranze e desideri dei rifugiati presenti in città e si ricorderanno momenti tragici della storia dei Trentini. Domenica 21 giugno | 21.00 - Ricordare ed impegnarsi: ma io cosa posso fare? Se ne parlerà in Memorie dal mare con il contributo del dottor Gianpaolo Rama, medico e presidente del Gris (Gruppo Immigrazione e Salute del Trentino), e quello di Bruno Palermo, giornalista crotonese, attivista con Libera Contro le Mafie e testimone di molti approdi già negli anni ‘90 (online sul canale YouTube With Refugees Trentino). Informazioni: 0461 213176, forum.pace@consiglio.provincia.tn.it

Questo sito utilizza i cookies per offrirti un'esperienza migliore. Utilizzando questo sito accetti all'utilizzo dei cookies da parte nostra.