Lunedì 26 novembre 2018

Lunedì ore 17.30, Trento, Sala degli affreschi della Biblioteca Comunale

Per una scuola elementare

Secondo incontro di Passioni Pedagogiche, "Per una scuola elementare", in cui avremo come ospite Alberto Delpero, maestro elementare e fondatore della scuola autogestita "Peio Viva“, in val di Sole. Alberto ci parlerà della sua esperienza nella Scuola Peio Viva, ma anche, piu’ in generale, dei problemi della scuola italiana. Saranno presenti per portare la loro testimonianza alcuni genitori e insegnanti che hanno partecipato al progetto innovativo "Scuola Peio Viva“. L'evento è organizzato da Controra, dalla redazione della rivista di cultura e intervento sociale Gli Asini, in collaborazione con l'Associazione Libera-Mente, Genitori Montessori Trento e Il Gioco degli Specchi.  Segnaliamo che l'incontro vale come aggiornamento per insegnanti. Pedagogiche è un ciclo di conversazioni sulle idee
pedagogiche di ieri e di oggi, con educatori che raccontano la propria esperienza e il proprio legame coi maestri del passato. L'idea nasce dall'incontro di alcuni genitori e insegnanti della città di Trento, convinti che l’avventura pedagogica non possa né debba riguardare solo la scuola ma che chiami in causa una responsabilita’ condivisa, diffusa, che dalle famiglie agli insegnanti percorre l’intera citta’, l’intero stato. Un popolo, si potrebbe dire, è cio’ che insegna. Il ciclo è quindi pensato per aprire e approfondire il dibattito su un tema che tocca l'intera comunità. Informazioni

Lunedì ore 18.30, Mori,  via Modena, ex Municipio 

Forum CETS Parco Monte Baldo

Il Parco Naturale Locale del Monte Baldo invita assieme alle altre Reti di riserve del Trentino ha ottenuto, nel 2016, la Carta Europea del Turismo Sostenibile (CETS). Si tratta di un importante riconoscimento, che ha evidenziato la bontà di un percorso di condivisione con numerosi attori impegnati a lavorare allo sviluppo del nostro Monte Baldo all’insegna della sostenibilità. Per capire insieme come stanno procedendo i lavori e i progetti della nostra CETS e per includere altre azioni di sostenibilità, il Parco vi invita a un momento di confronto: Durante la serata chiederemo ad ogni aderente alla nostra CETS di compilare il modulo scaricabile qui e di condividerne i contenuti. I materiali della nostra CETS sono recuperabili alla pagina web. La serata, momento conclusivo del corso “Turismo e agricoltura nel Parco Monte Baldo” curato da Natourism, è aperta al pubblico. Informazioni: 0464 399103, manuela.francesconi@comune.brentonico.tn.it.

Lunedì ore 19.30, Trento, Via Torre d'Augusto 29, Bookique

La nostra Riace - racconto di un'estate in campo

Si è parlato tanto di Riace in queste settimane. Noi vi raccontiamo quello che abbiamo fatto e visto, con i campi della legalità dell'Arci del Trentino. Una settimana in cui abbiamo ristrutturato un murales, lavorato con i migranti nelle botteghe artigiane, incontrato persone attive nell'integrazione e nel contrasto al potere mafioso. Raccontiamo ciò con immagini e con i sapori della Calabria, con una apericena di prodotti tipici. L'iniziativa è realizzata dai partecipanti trentini al Campo della legalità 2018 di Riace. Ingresso riservato ai soci Arci 2018-19. Informazioni: 0461231300, trento@arci.it.

Lunedì ore 20.30, Trento, vicolo San Marco 1, Centro per la Formazione alla Solidarietà Internazionale

Caffè delle lingue: Energia pulita e accessibile

Ipsia del Trentino, organizzazione non governativa delle Acli Trentine, nell’ambito dei progetti dedicati all’educazione della cittadinanza globale finanziati dalla Provincia Autonoma di Trento, organizza un evento denominato “Caffè delle lingue” un percorso per dialogare sulla cooperazione internazionale trentina attraverso conversazioni in lingua inglese, francese e araba, con la guida di ragazze e ragazzi richiedenti asilo con un livello linguistico madrelingua, in un ambiente che ricorda un caffè e che ispira quindi una maggiore libertà rispetto ad una conferenza tradizionale. Ogni serata avrà un tema specifico, ripreso dagli obiettivi per lo sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 dell’ONU, che saranno il filo conduttore del programma.  Sarà un modo per conoscere la geografia dei Paesi di provenienza dei moderatori, i progetti di cooperazione internazionale, le associazioni che operano sul territorio. Per i partecipanti sarà inoltre un momento per migliorare la propria competenza linguistica attraverso le conversazioni i lingua straniera in un ambiente accogliente. Sarà possibile partecipare agli eventi singoli versando un contributo di 5 euro. Informazioni ed iscrizioni all’indirizzo ipsia.trento@gmail.com.

Lunedì ore 21.00, Trento, Madonna Bianca, Sala parrocchiale

Dov'è casa mia? Lo sguardo del cinema sui figli delle migrazioni

Una rassegna cinematografica ad ingresso gratuito dove si tenterà di raccontare le storie dei figli della migrazione. Attraverso il filtro del cinema si indagheranno vite, sogni e timori di ragazzi divisi tra due culture. Un fenomeno sempre più globale che merita un momento di attenzione e analisi. Il rapporto padri/figli, il viaggio nella ricerca dell'identità e appartenenza e le problematiche legate alla convivenza di diverse culture sono ad oggi di pressante attualità. La manifestazione è stata voluta e organizzata da Cinformi Immigrazione per la Provincia autonoma di Trento - Pagina Ufficiale e realizzata nell'ambito del progetto MONDINSIEME, co-finanziato dall'Unione Europea. La rassegna è curata da Katia Malatesta, esperta di cinema ed espressioni della diversità culturale e religiosa. Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti. In questa occasione "Ma révolution" di Ramzi Ben Sliman, 80’. A seguire buffet etnico. Informazioni: 0461491888, comunicazione@cinformi.it.

Lunedì ore 21.00, Trento, Corso Buonarroti 16, cinema Astra

Sembra mio figlio

Proiezione di Sembra mio figlio" un film di Costanza Quatriglio con Basir Ahang, Dawood Yousefi, Tihana Lazovic, 2018, 103', drammatico alla presenza dell'attore protagonista Basir Ahang. Sfuggito alle persecuzioni in Afghanistan quando era ancora bambino, Ismail vive in Europa con il fratello Hassan. La madre, che non ha mai smesso di attendere notizie dei suoi figli, oggi non lo riconosce. Dopo diverse e inquiete telefonate, Ismail andrà incontro al destino della sua famiglia facendo i conti con l’insensatezza della guerra e con la storia del suo popolo, il popolo Hazara. Basir Ahang è nato a Kabul in Afghanistan e dal 2008 vive e lavora in Italia, dove ha ottenuto la cittadinanza. Laureato in Storia e Letteratura Persiana, è giornalista di professione, attività che svolge occupandosi prevalentemente di Afghanistan e diritti umani con un’attenzione particolare alla situazione dei rifugiati e delle donne. Ha collaborato con diversi giornali e agenzie internazionali. Sue interviste e articoli sono stati pubblicati su BBC Persian, Al Jazeera e Deutsche Welle. Informazioni: 0461 829002.

Questo sito utilizza i cookies per offrirti un'esperienza migliore. Utilizzando questo sito accetti all'utilizzo dei cookies da parte nostra.