#MarciaRestiamoUmani

Restiamo umaniIl 20 giugno prossimo parte la #MarciaRestiamoUmani che inizierà da Trento e, dopo aver toccato gran parte del nostro Paese, si concluderà 4 mesi dopo a Roma. "Con questa marcia vogliamo ribadire il nostro "NO" al clima di paura e odioche si sta insinuando nelle nostre città e nei nostri cuori e ribadire che i diritti sono di tutti, così come i doveri! Se l'idea che sta dietro a quest'azione vi piace, sostenetela, aderitevi, organizzate una tappa locale e/o un evento nella vostra città, venite a camminare con noi. Contattateci subito e non oltre il 30 maggio per fare inserire il nominativo della vostra organizzazione (associazione, rete di associazioni, ente locale, ecc.) nella lista dei promotori ed entro il 15 giugno per le semplici adesioni". Informazioni e adesioni: marciarestiamoumani@gmail.com

CONTRO LE DISCRIMINAZIONE SOCIALI E RAZZIALI SUL TRASPORTO PUBBLICO IN TRENTINO

AntirazzistaL'Assemblea antirazzista di Trento si è mbilitata per denunciare il ritiro dal 1° marzo delle tessere trasporti in possesso delle persone richiedenti asilo accolte in Trentino, operato per volere della Giunta Fugatti: "Questa misura con forte connotazione discriminatoria e razziale è illegale poiché è stata adottata nonostante le tessere fossero ancora in corso di validità, senza alcuna procedura che ne regolamenti il ritiro, creando modalità arbitrarie e vessatorie, di fatto togliendo uno strumento importante - il diritto alla mobilità di persone indigenti - per l'inclusione sociale. L'assemblea rivolge anche un appello a tutte/i coloro che vogliono rispondere con la solidarietà alle angherie razziste e discriminatorie dell’attuale governo provinciale proponendo di aderire alla raccolta fondi a sostegno dei costi di trasporti: CAUSALE: FONDO SOLIDALE TRASPORTI; CC. Ass. Commons: IT72Z0830401804000003354899. Infine, l'assemblea ha lanciato anche il gazebo solidale che, a partire da venerdì 12, si terrà ogni settimana nelle vie e nelle piazze di Trento per raccogliere i fondi ma anche per informare e sensibilizzare la cittadinanza. Informazioni: trentoantirazzista@gmail.com.

NO Valdastico Nord - A31

NoValdasticoIl recente, apparente, accordo tra Veneto e Trentino riguardo il prolungamento a Nord dell’Autostrada A31 costringe a risollevare il tema della necessaria, netta contrarietà ad un progetto che nulla porterebbe se non incalcolabili danni ambientali, che è in evidente violazione del Protocollo Trasporti della Convenzione delle Alpi, che non risolve ALCUN problema legato al trasporto delle merci e delle persone (andandolo anzi ad aumentare) e che disattende qualsiasi desiderio di utilizzo sano e ragionato dei fondi pubblici. Per il Comitato No Valdastico È il teatro dell’assurdo: incompetenza, miopia politica e interessi inconfessabili sono sul palco e in questa scena ci propongono un'uscita a sud di Rovereto, folle da qualsiasi punto di vista per ammissione degli stessi progettisti. Una proposta che conferma (se ce ne fosse stato bisogno) quanto chi la sostenga sia inadeguato ad affrontare il tema della mobilità e privo di una visione strategica. CONSIDERANDO il danno erariale causato dalle continue proroghe della concessione dell'autostrada A4 Brescia-Padova, per le quali la commissione europea ha aperto nel 2006 una procedura di infrazione; la recente sentenza del Consiglio di Stato che ha annullato la delibera CIPE 21/2013, implicando la decadenza della concessione della A4 Brescia-Padova (più A31), che pertanto è revocabile; l'incalcolabile danno ambientale che la costruzione del nuovo tronco autostradale porterebbe nelle valli e territori di attraversamento; il conseguente aumento del traffico lungo l'A22 e non solo in zone già colpite da livelli altissimi di inquinamento atmosferico, con ricadute pesantissime sulla salute degli abitanti; TUTTO CIÒ PREMESSO, I FIRMATARI DELLA PRESENTE CHIEDONO AL CONSIGLIO DELLA PROVINCIA DI TRENTO: 1) DI ADOPERARSI PER LA REVOCA IMMEDIATA DELLA CONCESSIONE AUTOSTRADALE DI A4 BS-PD AD ATLANTIA-BENETTON (possibile grazie alla citata sentenza del Consiglio di Stato); 2) L'ABBANDONO DEFINITIVO DEL PROGETTO DI PROLUNGAMENTO A NORD DELL’A31; 3) L'ISTITUZIONE DI UN TAVOLO DI LAVORO CONDIVISO TRA ISTITUZIONI REGIONALI, LOCALI E COMUNITÀ PER LA MESSA IN SICUREZZA DEI TERRITORI, CON PARTICOLARE ATTENZIONE AI TEMI DELLA VIABILITÀ E DELL' INQUINAMENTO. Ognuno può impegnarsi in prima persona per il successo di questa iniziativa, sia sottoscrivendo il presente appello sia raccogliendo firme a sostegno della petizione. Informazioni: noa31tn@gmail.com.

Emergenza Ciclone Idai

CammmLa Provincia di Sofala, Mozambico centrale, è colpita dal ciclone tropicale Idai, di categoria massima sulla scala Southwest Indian Ocean. Le vittime accertate, in continua crescita, sono ad oggi 250; migliaia i dispersi, più di 2.500.000 sono le persone colpite. Beira è colpita tragicamente, i danni sono enormi. La città è allagata, le infrastrutture stradali intransitabili, danni agli edifici sono incalcolabili. Le vittime in città sono decine così come i dispersi. Da giovedì 14/03 la città è in blackout totale, la rete elettrica sarà ripristinata non prima di alcune settimane. Le infrastrutture che collegano Beira al resto del paese sono in questo momento intransitabili. I quartieri informali in periferia della città sono ampiamente allagati e si prevedono conseguenze enormi sulla salute dei sopravvissuti. La sede del Consorzio Associazioni con il Mozambico, in Avenida Eduardo Mondlane, è allagata ed ha subito danni fisici e furti notturni alle attrezzature. L'emergenza è ancora in corso ed i danni non sono quantificabili, non soltanto la nostra sede, che ospita gli uffici e la foresteria, ma anche le abitazioni dei collaboratori e le loro famiglie hanno subito ingenti danni. Con il Vostro sostegno affronteremo nei prossimi mesi il grande sforzo per ripristinare la sede e garantire ai collaboratori e alla popolazione locale la ripresa quanto mai rapida ed efficiente dei servizi offerti quotidianamente e delle attività, che da oltre 20 anni il CAM, si impegna a portare avanti in Mozambico. Grazie per il vostro sostegno. Informazioni e raccolta fondicam@trentinomozambico.org, 0461 232401.

Questo sito utilizza i cookies per offrirti un'esperienza migliore. Utilizzando questo sito accetti all'utilizzo dei cookies da parte nostra.