Donne in Campo

L'associazione Donne in Campo nasce all'interno della Confederazione italiana agricoltori, una delle più grandi organizzazioni professionali agricole europee. Essa rappresenta e difende gli interessi economici, sociali e civili degli agricoltori e di coloro che vivono nelle aree rurali, affermando la fondamentale importanza dell'agricoltura nell'economia e nella società. Con tale scopo la Cia incoraggia le reti associative tra donne e promuove Donne in Campo, un'associazione autonoma e senza fini di lucro che sostiene la crescita morale, civile ed economica delle imprenditrici agricole e di tutte le donne che vivono nelle aree rurali. "Siamo agricoltrici, imprenditrici agricole, donne che vivono in ambito rurale, ma anche soltanto donne che amano l'agricoltura e tutto quanto ad essa è collegato. Siamo donne intraprendenti che scelgono di essere attive, di essere in campo, far pensare le proprie idee, i propri progetti, le proprie imprese; che scelgono di informarsi, formarsi, valorizzarsi e confrontarsi con le altre donne che lavorano e che si organizzano nella società". Informazioni: Trento, via Maccani 199, 0461421214/421230, donneincampo@cia.tn.it.

Federazione Italiana Amici della Bicicletta Trento (FIAB)

La Federazione Italiana Amici della Bicicletta (FIAB) onlus riconosciuta dal Ministero dell'Ambiente quale associazione di protezione ambientale raccoglie circa 120 Associazioni presenti in tutta Italia, che si occupano di mobilità sostenibile promuovendo l'uso della bicicletta in ambito urbano e di turismo responsabile promuovendo la pratica del cicloescursionismo, cioè una forma di turismo particolarmente rispettosa dell'ambiente. La FIAB di Trento al pari dell'organizzazione nazionale svolge il proprio compito facendo lobbying nei confronti delle pubbliche Amministrazioni per ottenere provvedimenti a favore della circolazione sicura e confortevole della bicicletta, intesa come alternativa ecologica e salutare al trasporto privato motorizzato e, più in generale, per migliorare la vivibilità urbana (piste ciclabili, moderazione del traffico a protezione degli utenti "deboli" della strada, uso combinato bici+mezzi collettivi di trasporto, ecc.); organizzando manifestazioni di ciclisti, presentando proposte e progetti. Propongono ai propri soci numerose attività cicloescursionistiche (gite domenicali in bici, cicloweekend, viaggi cicloturistici, cicloraduni) come occasione di socializzazione e valorizzazione del territorio. Informazioni: Trento, via Coni Zugna 9,  3284691683, adbtrento@libero.it.

Fondazione Fontana

La Fondazione Fontana onlus opera dal 1998 per realizzare progetti di pace, cooperazione e solidarietà internazionale, educazione alla mondialità. Per Statuto partecipa a reti e forme di coordinamento tra diversi soggetti che lavorano nel campo della promozione umana, della trasformazione dei conflitti, della cooperazione internazionale. Opera nelle provincie di Padova, Trento e Bolzano. La Fondazione investe almeno il 30% del proprio patrimonio in programmi di microcredito (Ethical banking, Etimos, Cresud, Microventures). Tali fondi sostengono progetti nati dalle idee imprenditoriali di piccoli gruppi organizzati democraticamente in regioni svantaggiate in particolare in Africa, Asia e America Latina. E' socia del Consorzio Etimos (microcrediti per il Sud del mondo), di Banca Popolare Etica, Coop. Mandacarù. Per quel che riguarda le attività di educazione allo sviluppo, si ricorda che nel 1998 la Fondazione Fontana ha dato vita al portale Unimondo. Dal 1999 ha avviato una collaborazione con la fiera annuale del terzo settore Civitas per promuovere incontri di riflessione e proposte di azioni e campagne sui temi della solidarietà internazionale. Tale collaborazione ha dato vita prima al World Social Forum di cui la Fondazione detiene il marchio e poi alla World Social Agenda. Informazioni: Trento, Ravina, via Herrsching 24/3, 0461390092, info@fondazionefontana.org.

Fondazione Trentina per il Volontariato Sociale

La Fondazione Trentina per il Volontariato Sociale nasce nel giugno del 1998 per volontà della Società di Mutuo Soccorso di Trento, la quale, sorta nel 1852 con "spirito cristiano con lo scopo di assistere con prestazioni previdenziali ed assicurative" gli artigiani in difficoltà. L'iniziativa fu ben accolta e vi aderirono oltre 450 soci e l'attività di mutuo soccorso, estesa poi anche ai non artigiani, fu molto intensa. Nel 1997 l'Assemblea straordinaria ha devoluto il netto patrimoniale alla allora costituenda Fondazione Trentina per il Volontariato Sociale, patrocinata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto. Artefici di questa nuova realtà sono stati il dott. Giuseppe Fracalossi, presidente della Società di Mutuo Soccorso (nonchè ex Commissario del Governo a Trento) ed il suo vice Giovanni Pegoretti, l'allora presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto. La Fondazione si pone come un soggetto "al servizio del volontariato" che, gestita con il concorso attivo delle associazioni di volontariato ed operando nel territorio trentino, intende mettere a disposizione del volontariato locale, oltre a dotazioni finanziarie, un centro ove confrontarsi, attivare stimoli e formulare programmi coordinati. Informazioni: Trento, via Dordi 8, 38100, 0461261681, info@fovoltn.it.

Questo sito utilizza i cookies per offrirti un'esperienza migliore. Utilizzando questo sito accetti all'utilizzo dei cookies da parte nostra.